Apr 16, 2018

SMART E IL 2030 … NASCE SMART EQ FORTWO

Smart  e il 2030 … nasce Smart EQ Fortwo

CASE… Connessa, Autonoma (di livello 5, il massimo), Condivisa, (shared) ed Elettrica.

Questo è l’acronimo con il quale viene presentata a Roma il 14 Aprile 2018, in occasione della Formula E,  la Smart vision EQ Fortwo prima concept senza comandi che incarna i progetti di casa Smart sul fronte della nuova mobilità (a emissioni zero ), e che apre anche le porte all’adozione della denominazione EQ sul fronte delle citycar di casa Mercedes.

EQ è il brand hi-tech che caratterizzerà le future proposte elettriche e ibride plug-in del gruppo della Stella, introdotto per la prima volta dal prototipo Mercedes-Benz presentato al Salone di Parigi.

Nella splendida cornice di Madre nel rione Monti, abbiamo avuto il piacere di vedere questo gioiello di pura tecnologia, una vettura futuristica in tutto e per  tutto, nata per il car sharing più estremo, totalmente senza conducente.

Una visione del futuro molto ambiziosa che prevede secondo la casa madre, entro il 2030, di trasformare radicalmente il servizio Car2Go, veicoli completamente autonomi che rendendo queste vetture un sistema di trasporto concorrente e alternativo al servizio pubblico.

L’immaginario di Smart ipotizza algoritmi basati su intelligenza artificiale che faranno in modo che la vision Smart vision EQ Fortwo potrà spostarsi in continuazione, presentarsi in ogni luogo e ad ogni richiesta, e gestire la condivisione dei viaggi tra due persone. Un’impostazione che secondo la casa madre, avrà un grosso impatto sul traffico riducendolo drasticamente e dimezzando il numero di vetture su strada.

Smart vision EQ Fortwo è una biposto, lunga 2,69 metri, larga 1,72 e alta 1,53 metri, design sferico, accompagnato da un tetto di vetro panoramico che include il parabrezza e il lunotto posteriore senza soluzione di continuità.

Le porte ruotano oltre l’asse posteriore, aprendosi verticalmente per risparmiare spazio e ridurre i rischi di impatto con gli altri utenti della strada.

Sono presenti display che permettono di proiettare all’esterno informazioni meteo, eventi locali, notizie o le personalizzazioni scelte dai passeggeri, avvisi o comunicazioni relative al traffico. Questa vettura non prevede il volante e presenta una seduta unica per due passeggeri separata da da una console-bracciolo centrale a scomparsa una plancia senza pulsanti occupata da un unico schermo touch da 24” in grado di visualizzare tutte le funzioni, gli interessi e le preferenze personali degli utenti. In pratica, una sorta di estensione dello smartphone.

E come si ricarica questo portento di tecnologia? beh non poteva che essere  tramite wireless; Smart immagina parcheggi dedicati, hub di mobilità e stazioni dotate di ricarica wireless che dovrebbero eliminare alla radice il problema dell’autonomia e della rete.

Una splendida serata dove Smart ci ha portato in quello che è il suo “proposito di futuro” con una filosofia “ready to share”, una visione del mondo sempre più green e delle città finalmente vivibili…

Peccato dover aspettare fino la 2030 nel frattempo sognamo e lasciamoci trasportare in questo modo che prima o poi arriverà…

Credits: Isabella Talone | Fabrizio Politi

You Might Also Like

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Privacy Policy Cookie Policy