Feb 07, 2017

QUIRINETTA CAFFE E CUCINA

Il termine ‘kintsugi’, o ‘kintsukuroi’, dal giapponese, significa letteralmente “riparare con l’oro“.

Questa pratica orientale consiste nell’utilizzo di metalli preziosi quali oro e argento liquidi, o lacca con polvere d’oro, per ‘saldare’ i frammenti di oggetti in ceramica (in genere vasellame) riparandoli.

L’arte di abbracciare il danno, di non vergognarsi delle ferite, è la delicata lezione simbolica suggerita da questa antica arte giapponese.

Secondo questa pratica possiamo considerare ‘l’imperfezione’ di una crepa e di una ferita come un luogo privilegiato da cui può nascere una forma ancora maggiore di perfezione estetica e interiore.

Questo è il concetto di base utilizzato nella ristrutturazione del Quirinetta caffè e cucina, il  “nuovo” ristorante caffetteria  a pochi passi dalla Fontana di Trevi, nel cuore di Roma che oggi Nafi vi presenta.

Di per se il Quirinetta caffè e cucina nasce già con una bella storia, fa parte infatti della struttura del Teatro Cinema Quirinetta, storico teatro che nacque nel 1923 dai sotterranei di Palazzo Sciarra adibiti in questo anno a sala da teatro/ cinema.

Sotto le cure di Viteculture ( che prosegue il suo lavoro di valorizzazione di spazi in disuso a Roma ) lo spazio storico del teatro Quirinetta rivive e Caffè Cucina diventa il suo punto di ritrovo educato al cibo.

Uno spazio ristrutturato tenedo conto di esigenze nuove ma mantenendo e riportando alla luce tutto quello che questa struttura aveva di originale, uno spazio aperto in cui il design, il recupero delle pre-esistenze architettoniche e la bellezza del tempo, incontrano una cucina attenta alla ricerca e alla semplicità.

Materiali di riciclo e vintage che danno al locale un atmosfera calda, sedie di legno degli anni 60 rifoderate di velluto dai diversi colori, lampadari creati con garze che filtrano la luce e la rendono calda e quei muri, quelle crepe. Crepe create nel tempo da sovrapposizioni di intonaci che sono state riempite con oro come fossero suture chirurgiche (il ‘kintsugi’ di cui vi parlavamo all’inizio), sottolineando il recupero di uno spazio e abbracciandone le storie trascorse, un recupero e non un invasione dello spazio.

“Ricerca dell’eccellenza nelle materie prime. Semplicità nel trattamento degli ingredienti, per mangiare sano e concedersi l’alta qualità senza compromessi.” Questa è la ricetta base del locale. Un tutto tondo, dalla colazione al pranzo passando per la pausa tè, all’aperitivo fino ad arrivare alla cena, aperto dalle 7 di mattina alle 2 di notte.[/vc_column_text]

Molte sono le particolarità che troviamo in questo locale dalla caffetteria selezionata, con il caffè 100% Arabica solo monorigine tostato a fiamma e macinato al momento, specialità della torrefazione Lady Cafè (un piccolo laboratorio che applica il metodo classico di tostatura a fiamma diretta con una macchina tostatrice del 1954) alla tisaneria di ricerca, con attenzione alle provenienze (grazie a Namastey e alle sue 160 varietà tra te infusi e tisane).

La produzione artigianale senza grassi idrogenati o olio di palma, e lo spazio riservato ai grassi nobili del burro e dell’olio EVO, sono il surplus dedicato alla pasticcieria.

Una carta dei vini “diversa” e tutta italiana che prevede la ricerca dei vini fuori dai circuiti commerciali proponendo un ampia offerta di vini biologici di alta qualità.  Ricercatezza e cura che troviamo anche nella carta delle birre, dove la “Birra del Borgo” al Quirinetta Caffè Cucina trova il suo primo flagship store.

Una forte attenzione alle materie prime è visibile nella cucina proposta qui al Quirinetta caffè e cucina. Una cucina fatta di materie prime di stagione, curata in ogni dettaglio per saziare occhi e palato. Come avrete capito ci siamo sacrificati e abbiamo provato la loro cucina  e nello specifico abbiamo assaggiato due primi :

_ Pici Pomodoro pachino giallo e don gambero di sicilia timo e olive taggiasche

_ Mezzi paccheri cicoria salsiccia di luganiga pecorino dop del lazio buccia nera

due  secondi :

_Faraona sale rosmarino parmigiano pecorino. Vellutata di patata arrosto

_Salmone di norvegia scottato in crema di piselli e verdure di stagione croccanti

e per finire  il dolce:

_ Un mantecato al caffè (monocoltura 100% arabica) con pralina di nocciole e cioccolato

Una qualità altissima sia nella scelta dei prodotti freschissima, sia negli abbinamenti dei sapori, mai scontati.

Se fate una passeggiata verso fontana di Trevi o se volete vistare la galleria Sciarra o se semplicemente vi siete incuriositi, beh non  vi resta che venire qui al Quirinetta Caffè e Cucina. Un’ altro posto che ci sentiamo di consigliarvi, perché ha una storia da raccontare, ha un esperienza da farvi provare.

 

Quirinetta Caffè e Cucina
via Minghetti, 2
www.quirinetta.com
instagram: @quirinettacaffeecucina
facebook: @Quirinetta Caffè e Cucina

Credit: Isabella Talone | Fabrizio Politi

You Might Also Like

Comment ( 1 )

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Privacy Policy Cookie Policy