Set 27, 2017

CHICAGO LA CITTA’ CHE NON TI ASPETTI

CHICAGO LA CITTA’ CHE NON TI ASPETTI

Sotto certi aspetti potrebbe sembrare la classica città Americana luci sfavillanti, grandi palazzoni, tanto traffico, gente sempre di corsa…

E invece scopri che è la città con i grattacieli più alti d’America, la città dove ogni singolo edificio ha una storia, una città famosa per la lavorazione della pelle, la città che ha dato i natali al Blues, la città dell’architettura, la città dove nasce il proibizionismo negli anni 20 e di conseguenza gli Speakeasy, la città con più ponti girevoli al mondo, una città che ha saputo integrare perfettamente storia antica e moderna, di quale città parliamo? Naturalmente Chicago.

Perché scegliere proprio Chicago? Onestamente non lo sappiamo neanche Io e Fabrizio… O meglio poi lo abbiamo scoperto, ma all’inizio anche per noi è stata un incognita.

Un giorno mentre ci troviamo in libreria abbiamo cominciamo a sfogliare le varie guide, presente quando dovete organizzare un viaggio e partite da una guida, oppure non dovete organizzare nulla ma per curiosità le guardate? ecco proprio una situazione del genere, e per caso tra le mani ci è capitata l’unica guida su Chicago

La maggior parte delle città aveva la scelta di tre/quattro guide, ma Chicago no, una sola… Come sempre spinti dalla curiosità abbiamo cominciato a cercare sul web e ad informaci su una città che sinceramente neanche noi avevamo mai pensato di visitare e di cui sapevamo davvero poco.

Nell’immaginario collettivo l’America è New York, Los Angeles, Las Vegas, San Francisco ma in effetti Chicago!!! A chi verrebbe in mente di andare a Chicago senza un vero motivo?! …

Dalle prime ricerche però è subito evidente invece che è una città che ha molte cose da dire e noi che siamo curiosi non la possiamo perdere quindi via, si parte deciso si va a Chicago.

Prima cosa da fare prenotare volo e Hotel …

Decidiamo per un volo diretto (andata 10.00 ore ritorno 9.30, fuso con l’Italia 7 ore avanti ) e prenotiamo con American Airlines (https://www.americanairlines.it/intl/it/index.jsp) compagnia di linea Americana molto affidabile. Sia Io che Fabrizio per i nostri viaggi in America abbiamo sempre optato per questa compagnia e lo standard dobbiamo dire è davvero molto alto, voli quasi sempre diretti, ottimo servizio di bordo, posti comodi per viaggi di questa durata.

Noi abbiamo prenotato decisamente in ritardo e in un periodo di alta stagione praticamente era luglio, ma siamo comunque riusciti ad ottenere una tariffa abbastanza conveniente, il consiglio è sempre quello di prenotare qualche mese prima per ottenere le tariffe più vantaggiose.

Altro piccolo consiglio, se decidete di volare con American Airlines, è quello di bloccare subito il posto e di non aspettare il check in online delle solite 24 ore prima. Potreste incorrere nel rischio di non trovare posti liberi free ma di trovarli già tutti prenotati e di dover quindi pagare un surplus per avere il vostro posto ( la cifra in base alla seduta va dagli 80€ ai 110€), questo è un piccolo inconveniente che potete tranquillamente evitare se il posto lo bloccate subito, appena fatto il biglietto.

Con il biglietto in mano la seconda cosa da fare e  che vale per tutti i viaggi in America, è l’Esta (Electronic System for Travel Authorization).  Cos’è l’Esta (Per gli Americani Visa)? Semplice, si tratta di fornire tramite la compilazione di un modulo online tutte le informazioni relativa al vostro soggiorno, hotel, destinazione motivo del viaggio. Questo modulo è obbligatorio ed ha validità di un anno, non è gratuito e dovrete pagare 14€ ecco il link diretto https://esta.cbp.dhs.gov/esta/application.html?execution=e2s1 

Naturalmente fatelo qualche giorno prima di partire perché richiede comunque una verifica e se non viene accettato per ripresentarlo devono passare 72 ore, quindi non vi riducete all’ultimo minuto.

Seconda cosa L’Hotel…

Come sapete per noi l’hotel è fondamentale per ogni viaggio camminiamo talmente tanto che deve essere sempre come tornare un pò a casa … Dopo varie ricerche la scelta è caduta su Hard Rock Hotel Chicago, perché direte voi? Semplicemente perché si trova in uno dei palazzi più antichi di Chicago, perché è centralissimo, si trova proprio nel cuore della Loop ( Il centro di Chicago è chiamato così poi vi spieghiamo perché ) e perché ha un anima Rock/Heritage, sopratutto come sempre è un luogo che ha qualcosa da raccontare.

Nello specifico, questo hotel meraviglioso ve lo abbiamo già raccontato su Nafi.uk qualche giorno fa, vi mettiamo il link per rinfrescarvi la memoria Hard Rock Hotel Chicago, bit.ly/2euj76y

Ma ora veniamo a Chicago, prenotato volo, scelto l’hotel andiamo alla scoperta di questa metropoli con l’anima blues, che si affaccia sul lago Michigan.

Partiamo da Roma la mattina, per arrivare a Chicago verso le 13.30 ora locale, scelta fatta appositamente per il fuso. Fatti tutti i controlli di rito in dogana  arrivare in città dall’ aeroporto di O’Hare è facilissimo. L’aeroporto ( che è il più grande aeroporto dell’ Illinois , uno dei più importanti al modo) dista 27 km dal centro di Chicago (Loop) ed è collegato tramite la Blue Line che funziona 24h/24 (http://www.transitchicago.com/assets/1/blueline_schedules/OHare.pdf ) e parte con una media di 15 minuti.

Dobbiamo dire che i mezzi a Chicago sono davvero convenienti e l’abbonamento ( che assolutamente vi conviene fare) include tutti i mezzi compresa la Blue Line , vi mettiamo link diretto per regolarvi sui prezzi http://www.transitchicago.com/fares/  7 giorni di abbonamento ad esempio vi costano 28$ ai quali aggiungere 5$ per la scheda New Ventra che caricherete in base ai gironi che decidete di stare in città. Gli abbonamenti li potrete fare direttamente alle macchinette presenti davanti le partenze dei treni, fate solo attenzione al fatto che se non pagate con carta di credito molte di queste macchinette con i contanti non danno il resto.

Ok fatto tutto… Ventra caricata via si parte verso la città.

Il fascino di Chicago è da subito molto evidente, la Blue line per una decina di fermate è tutta esterna e si può quindi godere già dell’atmosfera che regala questa città, I palazzi qui in “Periferia” non sono molto alti palazzine di 6/8 piani per la maggior parte fabbriche di mattoncini rossi, con quelle scritte di vecchie insegne che già ci fanno innamorare.

Arriviamo in centro e scendiamo alla fermata Washington, da lì il nostro Hotel Hard Rock Hotel Chicago dista poche centinaia metri. Appena usciamo dalla Blue line finalmente davanti a noi si palesa la città.

La giornata è nuvolosa  e molto umida ( scoprire che Chicago ha questo piccolo difetto no è stato per niente piacevole) ma i pochi raggi che penetrano creano subito dei giochi fantastici su questi grattacieli che sembrano abbracciarti.

Arriviamo a piedi in Hotel e già respiriamo tutta l’anima di questa città. Anche se l’hotel dista poche centinaia di metri noi cosa siamo riusciti a combinare? si avete capito bene, presi dalla foga siamo stati capaci di girare a vuoto per quasi 20 minuti, ma appena abbiamo cominciato a domandare come arrivare in hotel, beh… tutta l’anima friendly di Chicago è uscita allo scoperto.

Ormai chi ci segue sul blog, sa bene che a me e Fabrizio piace rendervi partecipi dei nostri viaggi raccontandovi ogni singola giornata. Questa volta avendo passato 10 giorni in questa magnifica città il racconto potrebbe anche diventare noioso ahahhahahhaa …. abbiamo deciso quindi di riassumervi tutto in 10 punti, 10 cose che dovete assolutamente vedere la prima volta che andate in questa città, Monumenti, Food, particolarità che non dovete assolutamente perdere.

Cominciamo allora…

Se andate a Chicago per la prima volta vi consigliamo assolutamente di cominciare con una bella passeggiata nel Millennium Park. Noi lo avevamo a pochissimi metri dall’hotel ma è facilmente raggiungibile perché collegato da diverse linee metropolitane. Il Millennium Park  è un osai di verde e architettura che si trova tra il LOOP  e il lago Michigan.

Faccio un passo indietro un attimo, vi avevamo detto all’inizio che vi avremmo spiegato cos’è il LOOP a Chicago. Loop in realtà sta per centro, centro di Chicago punto dove confluiscono e si racchiudono le principali attività della città; Finanza, Cultura, Food, sono concentrati e delineati dalla ferrovia sopraelevata chiamata per l’appunto Loop che definisce i confini di quello che è il centro.

Fatta questa precisazione, torniamo al parco che è il gioiello di questa città. Qui troviamo il famosissimo fagiolo il The Bean ovvero il Cloude Gate, una nuvola di Argento massiccio che riflette la città a 360 gradi. Passeggiando all’interno del parco troverete anche la Crown Fountain che grazie all’acqua che fluisce su di uno schermo proietta le facce dei cittadini di Chicago. Sempre all’interno del parco si trova il Pritzker Pavilion una struttura avveniristica dove si svolgono numerosi concerti gratuiti l’anno. Il parco è collegato con il ponte BP Bridge  attraversandolo si può ammirare lo skyline della città che riflette sul lago Michigan.

Il parco è collegato al The Art Institute of Chicago che ospita numerose opere d’arte tra cui molti Cezanne.

La seconda cosa da vedere assolutamente in questa città è il The Rookery. 

Questo è uno dei palazzi più antichi e belli della città è stato realizzato nel 1888 dagli architetti Daniel Burnham e John Root, un palazzo commerciale che prende il nome dai corvi che si appollaiavano sul palazzo e che sono anche riprodotti nella facciata esterna. La costruzione è in mattoncini rossi e la struttura interna per come la vediamo oggi è stata ridisegnata dall’architetto Frank Lloyd Wright. La cosa spettacolare di questo palazzo e la sua lobby che custodisce una scala in legno fantastica.

La lobby è visitabile gratuitamente, ma se volete avere aneddoti e tutta una serie di notizie su questo palazzo potete prenotare una visita guidata ( http://www.therookerybuilding.com ) che vi consentirà anche di vedere una piccola, piccolissimissima parte della meravigliosa scalinata. State notando un tono polemico? Beh non vi sbagliate… la delusione mia e di Fabrizio dopo aver ascoltato (per carità con grande interesse perché molto interessante) per 30 minuti tutti gli aneddoti che hanno caratterizzato negli anni questa struttura, la delusione enorme è stata quella di poter vedere la scalinata solo per un breve tratto… Delusione enorme perché ci aspettavamo di poterla ammirare nella sua completa bellezza. Comunque ne vale la pena.

Chicago come è risaputo è molto legata al cinema e al teatro e allora non si può assolutamente non fare una visita all’interno del Chicago Theatre .

Questo teatro si trova al 75 N State St , a poca distanza da Michigan Avenue. Risale al 1921 ed è stato insignito del “Lanmark status” per il suo grande valore storico. Nasce con una forte ispirazione barocca parigina (addirittura la facciata esterna riproduce l’arco di trionfo) e ha rischiato addirittura la demolizione per far spazio ad un grattacielo, ma alla fine un grande lavoro di restauro lo ha riportato ai fasti che meritava.

L’esterno lascia senza parole sia me che Fabrizio, quella scritta gigante sempre illuminata riporta alla memoria scene di vecchi film e curiosi come siamo abbiamo deciso di visitarlo dall’interno. Le visite sono guidate ci sono tutti i giorni alle 12.00 e potete fare il biglietto direttamente a teatro il costo è di 15$. Lo spettacolo è assicurato, la magnificenza di questo teatro lascia esterrefatti, stucchi, colori cura per ogni dettaglio lo rendono davvero uno dei più belli al mondo.

Nella città con i grattacieli più alti d’America non potete assolutamente perdere la Willis Tower, questo è il nostro quarto suggerimento

Si trova nel cuore del distretti finanziario di Chicago ed è conosciuta anche con il nome del vecchio proprietario Sears Tower. Questo è il grattacielo più alto di Chicago e in realtà degli stati uniti, ma non è quello  dove la città si vede meglio ( Sicuramente il John Hancock Observatory sotto questo punto è migliore), questo è il grattacielo dove anche se non soffrite di vertigini un brivido nella schiena vi salirà sicuramente.

All’ultimo piano dell’edificio si trova il famosissimo Skydeck, terrazze di plessiglass dove poter camminare nel vuoto sulla città a 1300 piedi di altezza. Vi assicuro che io ho dovuto combattere contro me stessa per fare questa cosa, chiedere a Fabrizio, soffro di vertigini anche ad un metro di distanza dalla terra ferma ma questo spettacolo me lo sono voluto assolutamente regalare. Sono rimasta nella teca solo pochi secondi ma lo spettacolo è stato impressionante ne vale assolutamente la pena.

A meno che non facciate il Chicago city pass che comprende anche lo Skydeck prenotare anticipatamente serve a poco, nel senso che non ci sono corsie preferenziali e la gestione delle persone che fanno salire è a prescindere dalla prenotazione.

Sempre in pieno centro sulla 78 E Washington St si trova il nostro quinto suggerimento, il Chicago Cultural Center.

Questa è la sede municipale di ricevimento dove il sindaco accoglie capi di stato e le personalità. Come molti palazzi qui a Chicago, anche questo è un palazzo storico e all’interno custodisce degli spazi davvero unici. Originariamente ospitava la biblioteca della città poi successivamente ne è diventato il centro artistico e culturale. La biblioteca viene completata nel 1897  e il centro doveva rappresentare la rinascita di Chicago. I migliori architetti e artigiani del paese hanno utilizzato i materiali più belli, come i rari marmi importati, l’ottone lucido, i legni duri e i mosaici del vetro Favrile, della perla e della pietra colorata per creare un salone architettonico di unico. La particolarità più evidente però sono le due cupole in vetro che si trovano all’interno di questo edificio, io e Fabrizio ne siamo rimasti estasiati.

La cupola Tiffany, (Situato sul lato meridionale dell’edificio), misura di 38 metri di diametro con circa 30.000 pezzi di vetro e mosaico , è stata restaurata ed è tornata al suo splendore originale nel 2008. Sul lato nord dell’edificio si trova la cupola disegnata da disegnato da Healy & Millet, 40 metri di diametro con circa 50.000 pezzi di vetro in un intricato modello rinascimentale che la rende magnifica.

Lo sapevate che Chicago è la città con più ponti girevoli al mondo? Beh ve lo diciamo noi e allora una cosa che dovete assolutamente vedere è il suo ponte più imponete il Michigan Avenue Bridge, questa è il nostro sesto suggerimento. Questo ponte è stato inaugurato nel 1920 e rifinito fino al 1928 con statue e targhe degli eventi che sono successi in zona. Questo ponte collega la parte sud di Chicago quella dei grandi parchi, con la parte nord, e porta direttamente al Magnificent Mile una delle vie dedicate allo shopping più famose e lunghe al mondo.

Se volete avere una visione generale di quello che possono essere i ponti girevoli di Chicago e vedere il Michigan Avenue Bridge in tutto il suo splendore, dovete salire sul roof-top  del London House chicago un hotel che ha la terrazza che si affaccia direttamente sul fiume e vi da un idea di quello che i ponti girevoli sono per questa città.

Oltre che dall’alto questi ponti si possono ammirare facendovi una passeggiata nella Chicago River Walker , lungomare pedonale situato sulla sponda sud del fiume Chicago. Oltre allo spettacolo dei ponti troverete molti locali, ristoranti che vi saranno sicuramente d’ispirazione per una pausa dopo la bella passeggiata, per lo meno a me e Fabrizio è successo così… uno spuntino dopo una camminata ci sta sempre bene.

Una cosa che assolutamente non dovete perdere una passeggiata lungo quello che un tempo era il molo di Chicago il così detto Navy Pier, la nostra settima proposta vi lascerà a bocca aperta. Da questo lato della città lungo la spiaggia potrete ammirare lo Skyline di questa città meravigliosa che al tramonto diventa uno spettacolo pazzesco.

Una ruota panoramica vi farà vedere dall’alto tutta la città e se vi volete fermare a mangiare qualcosa è pieno di ristorantini, locali e negozi dove passare del tempo.

Ora veniamo alla parte che di solito fa impazzire me e Fabrizio nello scoprire le città che visitiamo ovvero i locali. Chicago sotto questo punto di vista è stata davvero una bellissima sorpresa.

Partiamo da un locale del quale ci siamo davvero innamorati, per stile, accoglienza e design. Un locale che abbiamo definito Cozy, anche se all’apparenza potrebbe sembrare un locale inaccessibile per la sua infinita eleganza, stiamo parlando di The Allis Sono House questa è la nostra ottava proposta. In un post precedente via abbiamo già parlato di questo locale ( link  a rinfrescare la memoria  bit.ly/2vEPLtK ) nato all’interno di una vecchia fabbrica di pelle, un locale che fa parte della catena di Alberghi Soho house e dove io e Fabrizio abbiamo passato molto tempo in relax. Abbiamo fatto più colazioni e brunch qui che in hotel, l’atmosfera è davvero unica e se volete passare del tempo in tranquillità magari dopo una bella camminata o prima di avventuravi alla scoperta della città questo è il posto giusto. Questo Bar, Ristorante, Tea Room, dalla personalità raffinata con l’anima da salotto di casa, è situato nel West Loop della città, all’interno del palazzo Allis, uno dei migliori esempi di loft in design industriale di Chicago.

Noi ci siamo arrivati facilmente partendo dall’ Hard Rock Hotel (bit.ly/2euj76y) linea verde direzione Harlem e siamo scesi a Morgan Station, 5 minuti a piedi e siamo arrivati davanti a questa palazzine di 6 piani.  Non lo dovete assolutamente perdere.

La nona proposta che vi facciamo è sempre un locale, si tratta di un caffè ristorante situato all’interno di un concept store Rh Chicago Flagship , stiamo parlando del 3Arts Cafè. Questo caffè si sviluppa all’interno del cortile di una ex fabbrica ristrutturata e utilizzata oggi dalla catena Rh Chicago Flagship come luogo di design artigianale dove molte aziende artigianali di lusso espongono e vendono il loro prodotto.

Il 3Arts Cafè si trova sulla 1300 N Dearborn St, noi ci siamo arrivati prendendo la red line siamo scesi a Clark Divisione e ci siamo fatti 5 minuti a piedi. Siamo andati Tardo pomeriggio e ci siamo gustati questo luogo al tramonto.

Appena entrati lo sguardo si è perso in quello che ci sembrava un giardino incantato. Una fontana centrale fa da sfondo a tanto verde e una cupola di vetro lascia passare gli ultimi raggi di sole prima del tramonto. Ai lati divani di pelle e velluto con tavoli in legno creano spazi per godersi un brunch, aperitivo o cena ( la cucina è buonissima, non molta scelta di piatti ma di ottimo livello).

Tutto con lampadari di cristallo che creano giochi di luce di un eleganza estrema. Il 3Arts Cafè ( http://3artsclubcafe ).comva assolutamente prenotato altrimenti rischiate di fare file anche di ore e inoltre se scegliete di andarci di sera ricordate di entrare prima delle 20.00 altrimenti poi il locale chiude.

Come ultima proposta, la decima, non potevamo non proporvi un locale dedicato a quello che questa città rappresenta nell’immaginario collettivo. Cioè la città dove nasce il proibizionismo negli anni ’20 ma soprattutto dove si sviluppa la maggior parte del contrabbando di Alcool di quegli anni, Chicago rappresenterà la città con il più alto numero di speack-easy ( sorte di club con ingresso tramite parola d’ordine dove si poteva bere tranquillamente ) in America. E quindi noi cosa siamo andati a cercare? Uno degli speack-easy più rinomati della città il The Library Chicago. Questo speack-easy si trova all’interno del Gilt Bar e rappresenta a pieno quello che era l’atmosfera di quegli anni. Divani di velluto rosso, un ampio bancone e pochissimi punti luce a creare un atmosfera unica  davanti ad una libreria con libri d’epoca che dà il nome al posto.

Questo locale si trova sulla 230 W Kinzie St, Chicago, IL 60654 molto vicina alla  Magnificent Mile molto facile da raggiungere anche a piedi se vi state facendo una passeggiata sulla Chicago River Walker. Anche il The Library Chicago deve essere assolutamente prenotato (http://www.giltbarchicago.com) addirittura qualche giorno prima perché la richiesta è davvero tanta e il locale è molto piccolo, ma credeteci ne vale la pena.

Questa è la lista delle cose che assolutamente per noi non dovete perdere, ma poi ci sono altre piccole chicche che comunque vi vogliamo suggerire.

Una è P.O.S.H di cui vi abbiamo già parlato qualche settimana fà ( link a promemoria bit.ly/2f7Ojc8 ), un flea Market che si trova nello storico edificio Tree Studio building nel centro di Chicago,  fu commissionato da un filantropo Lambert Tree nel 1894 ed insieme alla moglie lo fecero diventare un centro per Artisti. Un negoziato vintage con oggetti provenienti da tutto il mondo che per chi ama il genere va assolutamente visitato.

Ma lo sapevate che Chicago è la patria dell’ hot dog ?! Noooo … Bene ora lo sapete.

Non è come New York dove per strada trovate chioschetti ad ogni angolo, qui l’ hot dog è cosa seria un culto e quindi li trovate come piccoli ristoranti, corner dove gustarli in pieno.

Noi li abbiamo provati sulla 20 E Adams St, Chicago da Max’s, storico localizzo di 10 mq … Ma la delizia vi lasciamo solo immaginare.

Un’ altra cosa che ci ha davvero incuriosito, parlando un pò con le persone che abbiamo incontrato in questa città, è la scoperta che Chicago è si, una città industriale, ma la particolarità è che sono specializzati nella lavorazione della pelle da sempre. Non ce lo avessero mai detto, io e Fabrizio ci siamo subito messi alla ricerca di queste Fabbriche da poter visitare, troppo curiosi di scoprire una arte come quella della lavorazione della pella. Io lavoro nella moda lo sapete, e Fabrizio è un cultore delle scarpe Redwing shoes realizzate con pelli particolari e con invecchiamenti particolari, e quando ci è stata suggerita come fabbrica la Horween Leather Company non abbiamo perso un secondo e subito abbiamo mandato una mail. Ora, ci rendiamo conto perfettamente che non è la classica situazione di viaggio visitare una fabbrica, ma lo sapete io e Fabrizio su questo andiamo un pò fuori dalle righe e appena ci hanno risposto che erano disponibili a farcela visitare siamo impazziti. Quindi la Horween Leather Company qual’ora vi rispondessero come hanno fatto con noi è un azienda da visitare assolutamente, qui la pelle viene trattata come si faceva a fine 800 addirittura ancora con i vecchi macchinari.

Della Horween Leather Companyvi abbiamo già parlato vi rimettiamo il link qui (bit.ly/2wDGUFY) per approfondire meglio se vi va.

Chicago è una città che andrebbe vista mille volte perché, credeteci, ha davvero mille sfaccettature e noi non vediamo l’ora di torna per scoprirne di nuove…

A dimenticavamo… ma lo sapevate che a Chicago comincia la madre di tutte le strade?! la Route 66 inizia proprio nel Loop di Chicago esattamente sulla parte nord di Adam Street, tra Michigan Ave e Wabash Ave, chissà magari uno dei prossimi viaggi ci farà arrivare di nuovo qui dove tutto è iniziato …

Intanto speriamo che a voi questo piccolo resoconto sia utile come promemoria per un viaggio in questa splendida città.

Credits: Isabella Talone | Fabrizio Politi[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

You Might Also Like

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Privacy Policy Cookie Policy