Apr 12, 2017

ALL’ORO RESTAURANT

All’Oro Restaurant, equilibrio tra Tradizione e Innovazione

Una di quelle serate dove sia Io che Fabrizio abbiamo voglia di un posto nuovo da scoprire.

Voglia di una cucina Tradizional – Contemporanea, voglia di un ambiente Tailor Made, di un ambiente riservato dove mangiare e fare due chiacchiere in maniera rilassata.

E allora? Allora succede che decidiamo di andare nel nuovo “salotto di Roma”  All’Oro Restaurant.

All’oro non è proprio nuovo, anzi di storia ne ha da vendere (apre i battenti infatti nell’ aprile del 2007) ma da Aprile di questo anno riapre in un contesto completamente nuovo.

Dopo 15 mesi di lavori infatti trova la sua nuova location nel centro di Roma, a 500 mt da Piazza del Popolo e Via del Corso, in via Pisanelli 25, e riapre all’interno di The H’All Tailor suite, hotel 5 stelle che diventa la casa di All’oro, ed è questa la vera novità.

Si realizza così il sogno di Riccardo Di Giacinto e sua moglie Ramona Anello dove il concetto di accoglienza viene ridisegnato e costruito sulle esigenze degli ospiti, direttamente da loro.

Riccardo chef stellato (1 stella Michelin 2010/2016 e non solo: 1 cappello dell’Espresso – 1 medaglia del Touring – 2 forchette Gambero Rosso ) e Ramona riescono a creare uno spazio su misura per il cliente da qui  “ Tailor ” nome scelto per la parte Hotel.

The H’all Tailor suite (14 suite super accessoriate e curate nei minimi dettagli ) è la massima espressione di quella ricercatezza culinaria propria della cucina di Riccardo e di tutta l’esperienza verso il cliente e le sue esigenze che ha Ramona.

Ma il fulcro di tutto resta il ristorante, The H’all Tailor suite come dicevamo è la casa di All’ Oro e si sviluppa intorno a tutto il mondo e allo stile unico della cucina di Riccardo.

Di The H’all Tailor suite e di tutta la sua eleganza e raffinatezza vi parleremo sicuramente in un altra occasione.

Ma ora vi vogliamo assolutamente raccontare l’esperienza culinaria che abbiamo vissuto da All’Oro Restaurant, un viaggio nel gusto della tradizione, nell’inventiva dello chef stellato Riccardo Di Giacinto.

Una serata che ci ha colpiti sopratutto per l’accoglienza, ad attenderci infatti c’era Ramona e la dolcissima Eivissa ( la piccolina di casa All’Oro 15 mesi di dolcezza pura, innamorata dei Tattoo di Fabrizio ) che ci ha messo subito a nostro agio.

Il locale si presenta con un eleganza estrema, diviso in due sale dai colori raffinati e dalle luci soffuse.

La prima ha delle pareti dall’effetto cemento e lampade d’ottone, i tavoli sono declinabili in singolo o doppio, la cantina è a vista, “protetta da un cancelletto e divisa tra vini bianchi e rossi con diverse temperature”.

L’altra, in stile boiserie, con soffitto a cassettoni di legno scuro, e un camino che fa sembrare il tutto un salotto accogliente di una casa decisamente molto raffinata.

La boiserie nasconde una porta “segreta” che porta direttamente al bagno senza dover passare per l’altra sala. Ideale per cene private.

In cucina, pensata e disegnata interamente da Riccardo, collaborano i suoi assistenti di sempre, che nel frattempo sono stati da Madre (vi ricordate ve ne avevamo parlato ), locale che Riccardo e Ramona hanno aperto a Monti in parallelo ai lavori del nuovo All’Oro.

Ramona ci tiene molto a farci vedere ogni piccolo dettaglio del locale, per farci capire la cura e la dedizione che Lei e Riccardo hanno messo nello studiare personalmente ogni dettaglio, come il porta borse che si estrae dal divano di ogni tavolo.

Un eleganza essenziale che ritroveremo durante tutta la cena, sintesi perfetta tra la cucina di Riccardo e il suo locale.

Ma ora veniamo alla parte per la quale poi alla fine abbiamo deciso di venire qui questa sera, ovvero la cucina.

Bene la cucina di Riccardo è una cucina che secondo me e Fabrizio equilibra perfettamente tradizione e Innovazione.

La sua storia traspare da ognuno dei suoi piatti: la formazione in Italia e i tanti viaggi all’estero.

Riccardo ci racconta di quando va via di casa per andare a lavorare a Londra dicendo ai genitori che sarebbe stato via pochi mesi e invece torna dopo due anni, di quando aveva solo voglia di capire e imparare e i suoi occhi diventano lucidi solo al ricordo di quelle esperienze di formazione sul campo.

Ci racconta le stimolanti esperienze con importanti chef come Ferran Adria e Marco Pierre White e tutto si ritrova nella sua cucina che non lascia mai la tradizione ma è sempre nuova e stimolante ricca di contaminazioni che la rendono unica nell’ accostamento di vecchio e nuovo.

E quindi? Quindi non ci resta che cominciare questo percorso sensoriale guidato da Riccardo e il suo staff.

Cominciamo subito con un aperitivo di benvenuto  che già dalla presentazione gratifica lo sguardo: essenziale, colorato sembra un “oggetto di design”.

Il personale di sala che ci assiste per tutta la serata, ci descrive ogni singola portata con cura.

Per Riccardo e Ramona è essenziale la formazione del personale, che deve assistere il cliente in ogni passo della serata sopratutto se ci sono dei piatti che devono essere finiti al tavolo.

“Per noi è fondamentale far partecipare anche la sala, altrimenti tra un po’ di anni sarà difficile trovare dei professionisti. Ormai gli chef sfilettano, sporzionano, guarniscono, e in alcuni casi portano il piatto al tavolo… Poi non ci si può lamentare del fatto che non ci siano grandi personaggi di sala” ci dicono Riccardo e Ramona.

Dicevamo cominciamo con un aperitivo che già da solo sazia lo sguardo e continuiamo con degli antipasti, lo Chef ci fa provare:

“Bresaola” di Gambero, Rucola e Parmigiano

Salmone Gin Tonic ( Uno di quei piatti che si finiscono a tavola, fantastico il tocco finale dello gin toni spruzzato direttamente )

Proseguiamo con i primi:

Spaghetto Aglio, Canocchie e peperoncino (Chiamarlo Spaghetto è riduttivo è un tripudio di sensazioni… e quella cremina …)

Riassunto di Carbonara  ( Fabrizio ne avrebbe mangiati tipo 5 un sapore unico chiedere a lui)

Solo Lasagna !! ( Il nome inganna perché decisamente non è la solita Lasagna, si riconoscono tutti i sapori tipici della lasagna ma ci sono note nuove che la rendono unica )

Won Ton di Castrato al vapore con Verza e Pecorino (Una delizia per il palato e qui esce fuori tutta la contaminazione dei viaggi fatti da Riccardo)

Cappelletti in brodo asciutto con Parmigiano, Zafferano e Limone (La particolarità è che il brodo è dentro il cappelletto e si scioglie al palato sapore unico, una magia dello Chef. Li servono con un cucchiaio bucato per provocazione perché è l unico cappelletto che si può mangiare con un cucchiaio bucato dato che il brodo è all’interno della pasta ! )

Passiamo ai secondi:

Rocher di coda alla vaccinara con gelée di sedano ( Una deliziaaaa la cottura della carne è straordinaria )

Pollo alla Cacciatora ( rivisto alla maniera di Riccardo con foglie di cappero cotte nell’aceto una raffinatezza di sapori )

e poi il culmine con i dolci:

Mela di biancaneve … (vi diciamo solo che sono delizioseee )

Latte e Miele per Fabrizio ( Fantastico il modo in cui terminar il piatto in tavola)

Babà all’inglese per me ( La tradizione con l’equilibrio della modernità )

Terminiamo con vinsanto e cioccolatini presentati in uno scrigno fantastico come fossero gioielli, una presentazione straordinaria e mi sarei portata lo scrigno a casa molto volentieri …

Lasciamo Riccardo, Ramona e la loro bellissima Eivissa nella loro bellissima nuova casa, con la certezza che torneremo spesso perché questo “ Salotto “ ci piace, in tutto.

All’Oro è stile, ricercatezza, essenzialità, accoglienza, cucina eccellente, ma è sopratutto Riccardo e Ramona che per tutta la sera non hanno trascurato nessuno degli ospiti, che a fine serata anche se stanchi si sono intrattenuti con noi per raccontarci la loro storia.

Riccardo e Ramona due menti imprenditoriali e creative che sanno come farti sentire a casa pur senza esserci, che sanno farti vivere un esperienza più che una cena o un pranzo.

Per questo vi diciamo a Presto …

Ora tocca a voi provare questa esperienza che aspettate … Vogliamo sapere cosa ne pensate …

All’Oro Restaurant
Via Giuseppe Pisanelli, 23/25, 00196 Roma
web: ristorantealloro.it
Fb: @AlloroRoma

You Might Also Like

Comment ( 1 )

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Privacy Policy Cookie Policy