Apr 21, 2017

5TIPS CAFFE ROMA

“La vita è una bellissimo e interminabile viaggio alla ricerca della perfetta tazza di caffè.” (Barbara A. Daniels)

Ecco, e voi? Voi avete fatto questo viaggio? Avete un posto del cuore dove prendere il caffè? Quella tazzina di caffè che vi ha lascito senza fiato e che consigliereste a tutti?

Beh Io e Fabrizio abbiamo deciso di darvi un piccolo consiglio per quanto riguarda i nostri luoghi preferiti.

Ne abbiamo selezionati 5, e dopo molti parapiglia tipo, “no è meglio questo, ma no ti ho detto che assolutamente non possiamo non citare questo “, siamo giunti ad un compromesso e in questo compromesso è nata un idea.

L’idea di dedicare uno spazio apposito a suggerimenti che ci và di condividere con voi durante i nostri viaggi, nasce quindi 5TIPS.

5TIPS non sarà la Bibbia dei migliori luoghi dove mangiare o bere ecc. ma sarà solo un riassunto/suggerimento di quello che piace a noi e vorremmo farvi conoscere.

E allora? Allora cominciamo dal Caffè, o meglio dai 5 luoghi dove prendere un buon caffè secondo noi. Ma dove?  Da dove cominciamo? Beh non potevamo non cominciare dalla nostra città, cominciamo da Roma.

Il primo che ci viene in mente è quello che forse ci è più caro. Si trova in una strada, via del Governo Vecchio che frequentiamo spesso, due malati di vintage come me e Fabrizio ci passano minimo una volta la settimana, stiamo parlando de “Il Baretto”.

Il Baretto nasce nel 1956 e sarà il mood della strada, sarà che i proprietari sono sempre gli stessi, ma qui sembra di essere rimasti proprio in quegli negli anni ’50 che ritroviamo nei vestiti appesi fuori dai negozietti simbolo della strada.

Bancone scarno in metallo e pareti piene di quadri e quadretti storici che ricordano i tempi passati di una strada rimasta vintage nel nome ma un pochino meno nell’anima ( ormai preda di pub e locali che poco c’entrano con quello che era questa via).

Un locale pieno di minuzie, come la collezione di vecchie bottiglie di vino o birra che Franco tiene gelosamente e sono ormai museo per i turisti che si fermano a gustare il suo caffè.

Caffè che sa di vecchie maniere e di modi gentili, di voglia di sentire storie raccontate da Franco e antichi sapori da riscoprire.

Ps: Qui il caffè anche se buono si paga 0.80€ ssssshhhh….

Il secondo resta sempre in centro ed è forse quello che ha più storia in assoluto. E’ uno dei caffè più conosciuti al mondo fosse anche solo per le opere esposte nelle sue sale, stiamo parlando de “ L’Antico Caffè Greco “.

Di questo Caffè si sanno molte cose ma non tutti sanno che con oltre 300 opere esposte nelle sale, è la più grande galleria d’arte privata aperta al pubblico esistente al mondo.

L’Antico Caffè Greco è in via dei Condotti, ed è stato fondato nel 1760, e deve il suo nome al fatto che il fondatore, un certo Nicola della Maddalena, fosse levantino.

Lugo preferito di intellettuali e politici, L’Antico Caffè Greco mantiene intatta tutt’oggi la sua anima e il caffè è davvero uno dei più buoni di Roma.

Naturalmente senza ipocrisia vi diciamo che sedersi ai tavoli per gustare il loro caffè e prendere qualche dolcino equivale quasi ad accendere un mutuo (un eufemismo per dire che non sono proprio economici ) ma ogni tanto ci si può concedere qualche piacere no?.

E comunque, vuoi mettere, rilassarsi davanti ad una tazza di caffè da prendere nella sala Omnibus dove sono esposti i medaglioni, le famose placchette in gesso e le miniature raffiguranti gli artisti, poeti, musicisti, che nel corso degli anni hanno frequentato il locale? beh noi non abbiamo resistito e comunque se siamo in zona il caffè al banco ( con prezzi normali ) lo prendiamo sempre.

Un altro posto, il terzo, che ci và di suggerivi è completamente diverso dalla storicità dei primi due. Si trova a due passi da Fontana di Trevi e non è solo un bar, ma più un Bistrot pensato alla parigina e riproposto qui a Roma.

Un luogo dove non si ha fretta di finire la tazzina con il meraviglio nettare nero, ma anzi lo si vuole tenere il più a lungo possibile leggendo magari una rivista piuttosto che facendo due chiacchiere.

Stiamo parlando di “ Angelina Caffè “ in via poli 27.

Questo posto elegante e raffinato, moderno, rappresenta perfettamente quei caffè gourmet presenti ormai in ogni grande metropoli internazionale.

Il caffè è una delizia da affiancare alla vasta selezione di dolci bio che il locale propone.

L’arredo di questo locale è davvero una delizia con i suo sgabelli pieghevoli in metallo e le sue gabbie appese al muro.

Vasi che contengono spezie appesi al muro creano un effetto giardino che sa di casa. Ma cè un angolo che amiamo particolarmente, sono i due divani in pelle giganti che si trovano davanti al  finestrone a vista che dà verso la strada.

Angelina Caffè è un bistrot come dicevamo molto attento al concetto del bio ed il caffè che usano sono miscele molto selezionate ma i prezzi resta normali, quindi non fatevi ingannare dall’aspetto ed entrate assolutamente.

Per il quarto suggerimento non potevamo non portarvi in un’altro luogo storico. Non un vero e proprio bar, ma più una torrefazione tipica di quella Roma abituata a farsi tostare le proprie miscele di caffè a scegliere il chicco quasi uno per uno, “perché l’aroma è diversa per ogni palato”.

Vi portiamo al Sant’ Eustachio Il Caffè.

Sant’ Eustachio Il Caffè è un’antica torrefazione a legna come dicevamo, nata nel 1938, da un locale esistente già nel 1800 con il nome di “Caffè e Latte” in Piazza Sant’Eustachio, ad un passo da piazza Navona e dal Pantheon.

Il profumo del caffè che fanno qui si respira già dalle traversine che ti portano alla piazza, e appena entrati l’odore delle diverse miscele di caffè biologico inebria la testa, una miscela pregiata di caffè 100% arabica importata direttamente dal Sud America.

Preparatevi, qui per gustare il caffè dovrete mettervi in fila … non scherziamo …. La fila c’è h24 perché oltre ad essere uno dei luoghi preferiti dai Romani è naturalmente meta turistica, quasi un tempio santo del caffè.

Però vi assicuriamo che ne vale la pena.

Quinto quindi ultimo, ma non in ordine d’importanza è un luogo un pò insolito. Si trova nel quartiere San Lorenzo e non nasce come vero Bar ma indovinate.. Era una cioccolateria, si una vecchia cioccolateria stiamo parlando di SAID dal 1923 e questo nome è l’acronimo di Società Anonima Industria Dolciumi ( a breve vi racconteremo tutto su questo locale qui sul blog ).

Come dicevamo non un vero e proprio Bar ma un luogo dove gustare un ottimo caffè affiancato da quella delizia che è il cioccolato.

Caffè e cioccolato accostamento perfetto che non potevamo farvi mancare perché troppo golosi sia Io che Fabrizio.

Un caffè da gustare in un salottino del locale nel quale vi perderete per quanta cura, storia e bellezza ha in sé. Un locale dove potrete anche acquistare le diverse selezioni di caffè provenienti da ogni parte del mondo.

Anche qui i prezzi non sono economicissimi ma ne vale la pena.

Bene Con i 5 caffè Romani speriamo di avervi incuriosito, vi aspettiamo per i prossimi 5TIPS … Stay Tuned

Credit: Isabella Talone | Fabrizio Politi

You Might Also Like

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

[elfsight_instagram_feed id="2"][elfsight_instagram_feed id="3"]